Il suo modo di suonare l’armonica cromatica ha influenzato l’approccio a questo strumento nel Blues più di chiunque altro nella storia, incluso Little Walter.

George “Harmonica” Smith è uno dei nomi meno famosi dell’armonica Blues. Di solito i quattro nomi che si ricordano, parlando di armonica, sono i due “Walter” (Little Walter e Big Walter) e dei due “Sonny Boy” (John Lee Williamson e Sonny Boy Williamson II), ma il nome di George “Harmonica” Smith è uno di quelli che saltano sempre fuori nei discorsi sulle influenze di armonicisti come Kim Wilson, Rod Piazza o Mark Hummel.

 

George "Harmonica" Smith

 

Autore di brani meravigliosi e storici come “Blues In The Dark” o della versione per armonica cromatica di “Hawaiian Eye”, colonna sonora di un serial polizesco degli anni 50, arrangiata meravigliosamente, ma anche sapiente armonicista diatonico ha militato e registrato, tra gli altri, con Muddy Waters, Otis Rush, Jimmy Witherspoon, Big Mama Thornton oltre ad essere stato un grandioso frontman e bandleader, pubblicando diversi album a suo nome.

 

 

Lo stile:

George “Harmonica” Smith era un armonicista all’avanguardia, sembra sia infatti creditato come uno dei primi a suonare l’armonica amplificata utilizzando un altoparlante e un amplificatori estratti da un cineproiettore. Dotato di una conoscenza musicale immensa, sull’armonica, e di idee davvero innovative, sapeva suonare benissimo la cromatica usando il registro (il tasto), cosa rarissima tra gli armonicisti Blues, che deriva dalle sue influenze musicali (Larry Adler, ad esempio) e non solo in terza posizione.

Non era, però, solo un armonicista cromatico ma anche un abilissimo diatonico: Smith suonava infatti con grandiose frasi in seconda e terza posizione cariche di abbellimenti ed effetti, come Wah-Wah, vibrati, ottave e intervalli…

Il suo suono era enorme, così rotondo e pieno da riuscire ad ingannare l’ascoltatore, facendolo pensare – a volte – che Smith suonasse con armoniche più basse di un’ottava e usava davvero pochissima aria per ottenere quel tono.

Ascolti Suggeriti:

Hawaiian Eye – un grandioso strumentale cromatico

 

Telephone Blues – struggente Blues in terza posizione

Monkey On A Limb – Smith al meglio con la cromatica in DO su un brano in DO minore

Summertime – alle prese con il famoso classico