Il miglior modo per capire davvero se abbiamo imparato a governare una tecnica è quella di metterla in azione, di suonarla davvero. Suonarla davvero significa usarla quando è richiesto e non quando “ci sembra che vada bene”.

 

Perchè? Perchè solo suonando qualcosa che esiste già, pensato da chi la storia dell’armonica l’ha fatta, possiamo avere un confronto positivo e un feedback immediato dei nostri risultati.

 

Il miglior modo – soprattutto per chi inizia e per chi sta lavorando sullo strumento da poco (o non è ancora sicuro di ciò che fa) – è quello di prendere un “tema” (ovvero quella parte di melodia, di solito strumentale e suonata dall’armonica, che si ripete durante un brano e lo rende indubbiamente riconoscibile) e suonarlo nota per nota, con tutte le tecniche necessarie.

 

Un ottimo esercizio è il brano di Slim Harpo intitolato “Rainin’ in my Heart”. Il brano, oltre ad essere uno standard blues famosissimo, ha un tema piuttosto semplice che nasconde alcune parti che richiedono più attenzione e controllo sulle singole tecniche. Ci permette quindi di suonarlo abbastanza velocemente (senza quindi accumulare stress dovuto alla difficoltà), ma allo stesso tempo di fare qualche passo avanti come armonicisti (sia per bagaglio musicale, sia per governabilità delle tecniche che usiamo).

 

La versione migliore da studiare è quella chiamata “Rainin’ In My Heart (Alternative 1)” contenuta nella raccolta di 5 CD “Slim Harpo – Buzzin’ The Blues”. Questa versione ha un 3 aspirato e piegato che dura di più e dei riff un po’ più semplici e con meno “abbellimenti”.

Le tecniche in gioco sono le “ottave”, il “bending” e – ovviamente – il saper suonare a fori singoli.

 

Il tema è sviluppato su una struttura di 8 misure, anche se parte da una misura “fuori giro” (che rappresenterebbe la chiusura del giro precedente).

 

 

 

 

Ci sono alcune cose da curare:

  1. Il timing del pezzo. Ogni frase parte sempre sul secondo battito di ogni misura
  2. Lo spostamento con le ottave (i fori 1-4 e 3-6)
  3. Il cambio di imboccatura tra ottave e fori singoli
  4. Il terzo foro aspirato piegato di due semitoni. Questo bending richiede controllo e attenzione nell’intonarlo e nel tenerlo intonato: respirazione e controllo muscolare per il piegato sono fondamentali ed è qui che lasciamo intuire se siamo “pressapochisti” o no. NON siatelo e NON arrendetevi!

 

Slim Harpo, oltre ad aver scritto alcuni brani che sono un must per chiunque suoni l’armonica e il Blues (“Scratch My Back” e “Hip Shake”/”Shake Your Hips”, tra i vari) è un ottimo terreno per imparare fraseggi e lessico con l’armonica in maniera minimale, ma dannatamente efficace. Ascoltate quanto più possibile questo meraviglioso armonicista, chitarrista e songwriter.