Quando si parla di microfoni per armonica, il primo nome che salta in mente è la BlowsMeAway Production fondata da Greg Heumann.

Greg è il primo e il più affermato costruttore di microfoni per armonica, in attività, al mondo e tra i suoi clienti annovera nomi come Charlie Musselwhite, Toots Thielemans, Rick Estrin, Mark Hummel, Kim Wilson, Rod Piazza, Mickey Raphael (armonicista di Willie Nelson).

Conoscere la sua opinione e capire cosa c’è dietro ad un microfono e alla sua azienda era una cosa che avevo in mente da tempo. Greg è stato molto disponibile e – in questa breve intervista – ci dona alcune informazioni che non troviamo da nessuna parte, se non in lingua inglese.

Scopriamo di più sui microfoni per armonica e sulla BlowsMeAway!

 

1. Cosa rende un microfono un buon microfono?

Un microfno offre i suoni che desideri (un’enfasi sui suoni: un microfono dovrebbe offrire una gamma di toni basata su effetti manuali e cupping), che ti ispiri a suonare! Un microfono che si adatti alle tue mani e che non è eccessivamente incline al feedback. Un buon microfono non suona aspro, è ben costruito ed è funzionale al 100%.

 

 

 

2. Sei “l’autorità” nel mondo dei microfoni per armonica. Come hai iniziato la tua attività nel campo della strumentazione? Quale scintilla ha acceso tutto? Quali sono i tuoi obiettivi in questo tipo di lavoro da un punto di vista sonoro?

Ero un armonicista prima di aprire la BlowsMeAway. Il mio primo prodotto è stato il mio “Vintage Volume Control”.

Stavo iniziando a suonare e mi sono reso conto che mi sarebbe piaciuto avere un controllo del volume sul microfono. A quel tempo prendevo lezioni da David Barrett e mi mostrò il vecchio controllo volume “Switchcraft 329” che era fuori produzione dai primi anni ’60. All’epoca erano oggetti da collezione, si parla di 20 anni fa. Quindi ho sviluppato un controllo del volume in linea del mio design.

 

 

Dave li ha venduti attraverso il suo sito web Harmonica Masterclass – è stato il mio primo cliente! Ed è quello che mi ha fatto iniziare.

Avevo bisogno di un tornio per costruire questo controllo volume, quindi ne ho acquistato uno e da lì ho capito che potevo fare altri prodotti per servire lo stesso mercato. Ho lasciato che le mie esigenze di armonicista guidassero le mie scelte iniziali sui prodotti da creare. Diventando più noto ho ricevuto anche molti suggerimenti da altri armonicisti.

I miei obiettivi finali? Non li ho. Sono solo guidato dall’offrire prodotti di alta qualità che risolvono i problemi degli armonicisti che suonano sul palco.

 

3. Alta impedenza. E’ necessaria per suonare un microfono con un amplificatore valvolare? E perchè?

Le persone si confondono molto sull’impedenza. È comprensibile: è un concetto sconosciuto che non insegnano a scuola a meno che tu non stia studiando elettrotecnica.

Questo è uno dei motivi per cui ho scritto “All About Harmonica Microphones, and Then Some….” (clicca sul titolo per vedere il PDF)

Ma gli armonicisti non dovrebbero scegliere un microfono in base alla sua impedenza. L’impedenza non ha nulla a che fare con il tono, per esempio, e qualsiasi microfono può essere collegato a qualsiasi ingresso. È solo una questione di capire quali cavi e, potenzialmente, adattatori – devono essere utilizzati.

L’ingresso di un amplificatore a valvole è ad alta impedenza – il jack mono 1/4″ è l’indizio. Lo stesso vale per pedali di effetti. Quindi un microfono ad alta impedenza necessita solo di un cavo con una spina da 1/4″ all’estremità per entrare nell’amplificatore. I microfoni a bassa impedenza hanno connettori XLR a 3 pin. Per collegare uno di questi ad un amplificatore, dobbiamo usare un cavo XLR/XLR e un dispositivo chiamato trasformatore di impedenza.

Si noti che ci sono alcuni microfoni ad alta impedenza che utilizzano anche connettori XLR. Hohner Blues Blaster e Shure 545 ne sono esempi.

Questi richiedono un cavo XLR/Jack. Tuttavia molta gente fa l’errore di usare un cavo del genere per collegare un microfono a bassa impedenza ad un amplificatore: bisogna capire che questi cavi sono cablati in modo diverso e diventa un problema di “Modalità sbilanciata” vs “Modalità bilanciata” (la modalità bilanciata è il modo in cui i cavi e i microfoni a bassa impedenza sono collegati) e l’uso di un cavo XLR/Jack con un microfono a bassa impedenza è non corretto. Si perde la metà del segnale del microfono!

Anche l’uso di un cavo da XLR a XLR per un microfono ad alta impedenza non è corretto. L’ho detto ora, sapendo che farà girare la testa a molti lettori! Non voglio confondere nessuno, ma questo è un errore molto, molto comune tra gli armonicisti. Rispondo alle domande su questo argomento ogni settimana: questo confonde TUTTI! Lo capisco e posso aiutare i miei clienti. E’ quello per cui sono qui.

 

4. Come imposteresti una catena del suono per avere quel sound saturo che cerchiamo tutti quando si parla di Blues elettrico? E quali suggerimenti daresti per suonare, invece, con un sound più pulito ma sempre amplificato?

Ho provato, come molti altri armonicisti, ad ottenere “quel suono” con i pedali – in particolare con pedali “overdrive” o “distorsione”. Sebbene sia possibile farlo, è difficile senza aumentare anche il feedback oltre a rallentare il tuo apprendendo su una cosa fondamentale: la più grande variabile di tutte sei TU, il musicista. Ci vuole molta pratica per imparare a ottenere “quel suono”, ma non sevono pedali per ottenerlo.

Hai bisogno di un buon amplificatore, un buon microfono, e molta tecnica e pratica. Se vuoi il suono “croccante” devi SUONARE “croccante”!

Ciò significa accordi, tongue slap, suonare le note sporcandole con il foro vicino e altre tecniche. A note singole e pulite non ottieni quel tipo di sound. E’ vero che gli amplificatori piccoli sono più facili da portare a quel sound “crunch” rispetto a quelli grandi. Devi imparare a fare il cupping molto bene. Ciò significa sigillare le vie di fuga per il suono che viene dall’armonica. E QUESTO significa sigillare i fori non suonati sulla parte FRONTALE dell’armonica e sulla parte posteriore. Questo non è solo importante per il suonare amplificato: farà un’enorme differenza nella profondità dei “wah-wah”. Inoltre mette in risalto i bassi e ammorbidisce gli acuti, quindi riduce l’asprezza del sound quando si suona amplificati.

 

5. Nel corso degli anni hai inventato e brevettato diversi tipi di equipaggiamento. Ci puoi dire qualcosa di più, andare più nel profondo? Cosa avevi in mente e quali sono i risultati finali?

Mi piacerebbe dire che ho avuto l’ispirazione nel cuore della notte e ho usato abilità ingegneristiche di livello geniale per trasformarla in un prodotto. Ma non sarebbe vero!

Le cose che ho sviluppato sono il risultato di molte sperimentazioni, una serie di “incidenti felici” e la capacità di riconoscere quando avevo trovato qualcosa che avrebbe giovato agli altri. Naturalmente c’è molta ingegneria in gioco per rendere fabbricabile questi errori e queste idee. L’impugnatura rossa di un microfono della serie Ultimate, ad esempio, richiede molte operazioni di lavorazione e una precisione di 0,025 mm, venticinque centesimi di millimetro. I miei microfoni per legno hanno qualcosa come 50 diversi diametri, profondità e angoli che devono essere controllati con precisione.

Li faccio, imparo, li perfeziono, imparo un po ‘di più, continuo a perfezionare i miei progetti e processi.

 

 

6. Bullet o Stelo? Molti armonicisti usano il bullet (come Charlie Musselwhite, Mark Ford, Kim Wilson, Rick Estrin, per nominarne alcuni) ma vediamo diversi altri suonare con un microfono a stelo, il 545 su tutti. Qual è la tua opinione?

Ognuno può scegliere il tipo di microfono che vuole suonare. Il tipo di microfono ha molto a che fare con la facilità con cui si riesce ad impugnare e i moderni microfoni a stelo sono generalmente più puliti dei bullet, ma ci sono eccezioni ad ogni regola.

L’ergonomia è una considerazione molto importante per qualsiasi giocatore e le nostre mani sono tutte diverse! Non è meraviglioso che abbiamo così tante scelte? Per un suono blues intenso e distorto tradizionalmente usiamo microfoni bullet. Ma puoi ottenerlo anche da uno Shure SM57 se sai come riempirlo bene. Personalmente, trovo i microfoni bullet molto più comodi da tenere in mano e per fare il cupping, ma quando voglio un microfono per suonare puramente acustico preferisco un microfono a stelo perché può essere montato su un supporto o tenuto in mano e perché è a bassa impedenza, quindi è facilmente collegato ad un impianto che è il modo in cui di solito è usato per il suono più pulito.

* Greg ha inventato anche un interessante oggetto da montare sui microfoni a stelo per aiutare l’impugnatura, chiamato “Bulletizer”…

 

 

 

7. Pensi che dobbiamo accoppiare le valvole del pre, secondo l’impedenza del microfono? E se sì, dove sta il segreto per il sound?

L’impedenza di ingresso di un amplificatore è insita nel suo circuito che include le valvole, ma anche i componenti attorno ad esse che forniscono la sua potenza, impostano il suo bias, filtrano il suo segnale di ingresso, ecc.

Quindi no, cercare di abbinare le valvole del preamplificatore ad un microfono è una perdita di tempo. Ora, le valvole del preamplificatore influenzano il tono. Le moderne valvole economiche spesso non suonano come quelle più vecchie, ma soprattutto, le valvole preamplificate determinano il GAIN di un amplificatore. Il motivo più importante per scambiare le valvole del preamplificatore è quello di modificare il gain dell’amplificatore per renderlo più amichevole per l’armonica. Quasi tutti gli amplificatori sono stati impostati per le chitarre e le chitarre non sono microfoni! Affinché un chitarrista possa ottenere un feedback in stile Hendrix, ha bisogno di un amplificatore con MOLTO gain, ma i microfoni si accoppiano alle onde sonore provenienti da un amplificatore in modo molto più efficiente rispetto alle corde e ai pickup della chitarra e il livello di uscita del microfono può essere molte volte maggiore di quello di una chitarra.

Un amplificatore impostato per chitarra, in particolare se ci sono più valvole nella sezione del preamplificatore, è quasi garantito che sia un mostro di feedback. Vorrei chiarire un malinteso comune: Il guadagno non è uguale al volume. Il guadagno è la coefficiente del volume di ingresso della linea rispetto al volume di output. Ecco un’analogia. Immagina di avere un’auto sportiva leggera con un motore V8 da 500 CV a trazione anteriore. Ora immagina che il pedale dell’acceleratore si muova solo di 13 millimetri. Ecco come ci si sente un gain eccessivo. Il minimo è al minimo, il massimo dell’acceleratore è al massimo, ma la potenza è difficile, se non impossibile, da gestire nel mezzo: devi guidare molto lentamente per sicuro di poter controllare l’auto. Ora immagina la stessa macchina ma con una corsa del pedale dell’acceleratore di 130 millimetri. Il minimo è ancora al minimo, l’acceleratore premuto al massimo è ancora a tutto gas, ma nel mezzo è molto più facile avvicinarsi alla massima potenza senza problemi.

Le persone parlano di abbinare le valvole di potenza di un amplificatore se ha più valvole di potenza. Questo può rendere più semplice l’impostazione del bias, ma ad alcuni musicisti piace il suono che proviene da valvole non “abbinate”. C’è così tanta mitologia attorno a argomenti come questo.

La scelta dei coni è un altro esempio lampante. E ciò che è “migliore” per uno potrebbe non essere “migliore” per un altro, anzi potrebbe essere peggio o, più probabilmente, solo “diverso”. Secondo me ci sono solo due modi per affrontare questo tipo di argomenti. Puoi scegliere di fidarti di un esperto, come un costruttore di amplificatori boutique per armonica il cui gusto nel suono amplificato dell’armonica ti piace, oppure puoi sperimentare. Prova tu stesso. Ascoltare. Imparare. Scegliere.

In ogni caso l’impedezza di ingresso conta. Specialmente usando microfoni ceramici o a cristallo. Alcuni amplificatori hanno un’impedenza di entrata bassissima (come 50K ohm), altri alta (come 1 megaohm). Più alta è meglio è se quando usiamo questi elementi. Un buon tecnico per amplificatori può sistemare l’impedenza di ingresso, ma non è “abbinare le valvole all’impedenza dell’ampli”.

 

8. Quali sono i tuoi consigli per trattare il feedback e come dobbiamo settare l’amplificatore per combatterlo?

Questa è una risposta luga. Ho parlato di gain e dei suoi effetti sui comportamenti dell’ampli poco fa, ma è un argomento molto più vasto. Tecnica, scelta del microfono, scelta dell’ampli, posizionamento dell’ampli, potenza dell’ampli, controllo del volume, dispositivi anti-feedback, monitor palco…c’è tanta roba da considerare. Rimanderei i lettori al mio PDF gratuito “All About Harmonica Microphones, and Then Some….” (clicca sul titolo per vedere il PDF) dove ho scritto diverse pagine su questo argomento.

 

9. Puoi dirci di più sulla tua azienda? Dove si trova? Spedisci in tutto il mondo? C’è qualcosa che vuoi condividere con gli armonicisti italiani (e con quelli nel mondo che ci leggono)?

Ho aperto la BlowsMeAway Productions nel 2003. In 16 anni ho introdotto molti prodotti tra cui una gamma di controlli del volume, 4 linee di microfoni, adattatori, cavi, sistemi wireless, servizi di ricostruzione dell’amplificatore, tutto ha a che fare con l’armonica amplificata. Spedisco in tutto il mondo.

Mi trovo a Geyserville, California, USA, cioè nel Paese del Vino a circa 75 miglia a nord di San Francisco. Abbiamo molte famiglie italiane nell’area che emigrarono qui dal Nord Italia (molti da Lucca) nella prima parte del 20 ° secolo. Hanno trovato il nostro clima molto simile: coltiviamo uva e olive e molti degli stessi frutti e verdure hanno potuto prosperare qui.

 

10. C’è una domanda che avresti voluto ti facessero e nessuno ti ha mai fatto?

Hey, chi ti taglia i capelli?!

Questa è una citazione oscura riferita ad un disco comico di “Cheech and Chong” dagli anni 70 o 80 che forse un lettore “capirà”. Non so, sinceramente…mi hanno chiesto così tante che penso di aver risposto a tutto, anche perché non sono uno che si tiene i segreti. Sono felice di condividere ciò che so… 🙂

 

Grazie Greg Heumann per la disponibilità.

Il sito della BlowsMeAway è www.blowsmeaway.com e potete ordinare i microfoni e tutti gli altri prodotti direttamente da lui. Ditegli che avete visto l’articolo sul sito, gli farà piacere!